L' Azienda


L'azienda Agricola Biologica D'AURIA nasce nel 2001.

E' situata nell´agro di Lavello nel nord della Basilicata, ai confini con la Puglia.
Nel 2001, al compimento della maggiore età, Leonardo eredita dai genitori alcuni ettari di terreni precedentemente appartenenti ai suoi nonni.
Su alcuni di questi terreni, prevalentemente seminativi, si dà avvio alla piantatura di giovani alberi di ulivo di cultivar Scarpetta e di Coratina, oltre ai già esistenti alberi di Racciopo e Paranzana..
Viene acquistato il primo trattore, un piccolo New Holland TN65F, anche conosciuto come "frutteto" (perché sprovvisto di cabina) così da poter lavorare i terreni sottostanti le piante senza rovinarne la chioma.

DOWNLOAD :
Certificato di Conformità dell'Azienda


In seguito vengono acquistati diversi macchinari di lavorazione: un aratro, una fresa, un vibrocultore e una seminatrice.
Già da subito l'idea è quella di produrre olio di altissima qualità, pertanto si scelgono metodi di cultura il meno invasivi possibili e si opta per l'assoluto non utilizzo di pesticidi e fertilizzanti.
Leonardo si rivolge pertanto all'ICEA (Istituto di Certificazione Etica e Ambientale), perché possa rilasciare all'Azienda i certificati che ne attestano la natura Biologica, operando, anno dopo anno, continui controlli a sorpresa sulle piante e sul prodotto finito.
Negli anni continuano gli investimenti. Vengono piantati altri alberi di ulivo. Viene scavato un pozzo per l'irrigazione degli uliveti più giovani, che vengono quindi dotati di un capillare impianto di irrigazione "a goccia" per permettere alle piante di non patire le caldissime e secche estati.
Intanto la produzione aumenta e l'azienda inizia a vendere i propri prodotti anche fuori dal territorio.
Torino è la città dove Leonardo studia ingegneria e dove, successivamente, inizia ad esportare ciò che viene prodotto nell'azienda di famiglia. La richiesta aumenta esponenzialmente grazie al passaparola di una ristretta cerchia di clienti, i quali si fidelizzano subito e portano altri amici a conoscere l'olio biologico dell'azienda Lucana.
Siamo al 2010, e l'aumento della domanda è ormai tale da richiedere che vengono piantate ancora 1000 piante, fino a raggiungere il numero attuale di 3000 totali.
Anche i nuovi alberelli, attualmente non ancora produttivi, vengono dotati di impianto di irrigazione per farli crescere vigorosi e naturalmente produttivi come quelli già esistenti.
Nel 2013, con l'aiuto di fondi comunitari, vengono acquistati altri macchinari agricoli: un trattore New Holland T6-160 per l'aratura e seminatura dei terreni seminativi, un rimorchio e una raccoglisassi.
Nel 2014 è stata ultimata la costruzione di un capannone adibito alla conservazione, imbottigliamento ed etichettatura dell'olio. filari Ai 15 ettari di uliveti se ne aggiungono circa 20 di terreni seminativi, nei quali seminiamo grano, ceci e favino, senza l'utilizzo di diserbanti, e solo di concimi biologici certificati. Ci affidiamo all'antico metodo della rotazione delle colture per far sì che il terreno non si impoverisca. Una volta raccolti, questi prodotti vengono poi interamente venduti ad altre aziende agricole che li trasformano.
Sui 15 ettari di uliveti aumenta, contestualmente alla crescita delle piante, la produzione olearia, ad ora attestatasi mediamente intorno ai 3500 litri/anno, venduti a privati, piccoli negozi e ristoranti (scopri quali) che vogliono utilizzare solo materie prime di alto livello.
campagne



´╗┐